Il Riformista – quotidiano edito da Alfredo Romeo, accusato di corruzione in un filone dell’inchiesta su Consip, la centrale d’acquisti pubblica italiana – da qualche giorno ha scoperto le chat estrapolate dal telefono sequestrato a Luca Palamara. Parliamo del pm che sussurrava le nomine, riuscendo a eleggere persino il vicepresidente del Csm, David Ermini. Il […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese per il primo anno

Articolo Precedente

Sevizie sui migranti nei lager della Libia. Prima condanna per tortura in Italia

prev
Articolo Successivo

Distanza e mascherine, ma niente temperatura

next