Stefano Rampoldi, in arte Edda, canta i suoi testi stralunati, surreali e romanticamente eversivi e suona le chitarre. Il tocco inconfondibile sulle corde del basso è quello di Gianni Maroccolo, che è anche produttore musicale del disco. Da quelle bass lines rotonde e incalzanti che sono da sempre il suo marchio di fabbrica, genera l’energia […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

Visto che ci date solo avanzi, è meglio smettere di cantare

prev
Articolo Successivo

La vignetta di Beppe Mora

next