Da eroi contro la pandemia a untori, fino alla disoccupazione: è la parabola dei medici (laureati) senza specializzazione. In pieno lockdown sono stati chiamati in trincea, a combattere il Sars-CoV-2; con contratti a tempo e senza straordinari, s’intende. Il 1º maggio, come “ringraziamento”, arriva la stigmate degli untori: “Gli specializzandi hanno una vita sociale attiva, […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese per il primo anno

Articolo Precedente

Riaprire non basta: il Genio del Panico e il difficile ritorno alla normalità

prev
Articolo Successivo

Cibo: niente sprechi in pandemia, grazie alle app ecologiche

next