“I giovani sono diventati i nuovi criminali, come i runner durante il lockdown. Invece vanno ringraziati: per due mesi sono rimasti in casa senza lamentarsi, facendo lezioni on line spesso in situazioni difficili”. Alessandro Cecchi Paone, giornalista e conduttore tv, ma anche professore di scienza della comunicazione, spezza una lancia in favore dei ragazzi e […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

Martina: “Gallera, dimettiti” M5S: “Subito commissione”

prev
Articolo Successivo

“Devono rimanere responsabili: certe uscite sono veicoli di contagio”

next