Uno pensa sempre che Giulio Gallera, assessore lombardo alla Sanità, a un certo punto della corsa si sia fermato, abbia capito di non potere più andare a briglia sciolta e abbia chiesto a qualche illuminato di affiancarlo nella comunicazione, perché peggio di così ha fatto solo Francesco Totti quando disse: “Io rispetto l’omofobia”. Quella di […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 19,99€ per 3 mesi

Articolo Precedente

Fatto a mano di Natangelo

prev
Articolo Successivo

Controlli solo a metà dei calabresi rientrati. I medici: “Molti aspettano ancora il risultato”

next