Renato Vallanzasca mi confidò un giorno: “Pedalare stanca, ma si può essere più forti della fatica. Grazie alla tenacia, si possono valicare montagne che si credono impossibili anche a sessant’anni”. Un altro bandito, famoso si fa per dire negli anni Venti, diceva le stesse cose: usava spesso e volentieri la “spicciola” per scappare dopo ogni […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

“Per ‘I laureati’ ho bluffato, rischiato, detto bugie e rinunciato a Carlo Conti”

prev
Articolo Successivo

Covid-19, o l’interpretazione dei sogni: chi pattina e chi fa il riso col gatto

next