“Che fa, minaccia?”. Mi avverte la dirigente dell’Ufficio postale che se scriverò lei ha buoni testimoni che ne difenderanno l’onore e la correttezza. E infatti i colleghi in coro la rassicurano: “Abbiamo ascoltato, tranquilla. È una minaccia”. Ripongo la lettera raccomandata nella giacca ed esco. Sono le 19:20. E anche il quinto tentativo di spedire […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 19,99€ per 3 mesi

Articolo Precedente

La vignetta di Mora

prev
Articolo Successivo

In alto i Cv: bibitari, bariste e braccianti

next