A diciotto giorni dall’inizio della Fase2 in Lombardia, vi è ormai la matematica certezza che i dati comunicati in via ufficiale dalla Regione non rappresentano l’andamento reale del contagio. Ci sono numeri che sono comodi da divulgare e altri che è meglio tenersi in tasca, come quelli scritti nero su bianco in un report riservato […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 19,99€ per 3 mesi

Articolo Precedente

Ospedale Fiera, ombre su costi e donazioni: ora indaga la Procura

prev
Articolo Successivo

“Un’opera inutile, andai via sbattendo la porta”

next