“Sono tutte robe in nero come anche che abbiamo fatto la riparazione alle armi dei libici che c’è l’embargo… questa cosa se esce, è un casino… quindi siamo andati a fare i supporti delle armi alle navi”. Parole inquietanti quelle pronunciate da Marco Corbisiero, ufficiale della Marina militare finito in carcere lo scorso 11 maggio […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

Report: il piano pandemico è un copia-incolla fin dal 2006

prev
Articolo Successivo

“È tempo di riunire una Buona Destra”

next