Ci sono stati depistaggi, piste ingannevoli e ritardi delle autorità keniote nella vicenda di Silvia Romano, la volontaria rilasciata dopo un rapimento durato 18 lunghi mesi. Ma c’è stata pure una nuova tecnologia messa in campo fin dall’inizio dall’intelligence italiana: ricerche effettuate con droni dotati di raggi infrarossi. Ieri la 25enne è arrivata a Milano, […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese per il primo anno

Articolo Precedente

Narcos, l’epidemia danneggia gli affari I “chapitos” a guardia del lockdown

prev
Articolo Successivo

Salvini fa lo sciacallo: “Spot per gli jihadisti, serviva più sobrietà”

next