Oltre 300mila mascherine prodotte in Cina. Sono arrivate giovedì 30 aprile a Civitanova Marche. In parte dovevano finire sul bancone di 30 farmacie. Un’altra parte avrebbe dovuto prendere la via di Roma per essere consegnata al Senato. Invece il 5 maggio l’Agenzia delle dogane le ha requisite “su richiesta del commissario straordinario” Domenico Arcuri. Le […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

Maturità e medie: stabiliti i criteri per voti ed esami

prev
Articolo Successivo

Laboratori: manca tutto

next