“Le mafie vivono di segnali. E il segnale lanciato dai boss che escono dal carcere e tornano nel loro territorio è devastante. Riacquistano l’arroganza, la prepotenza, la voglia di riprendersi il potere”. Federico Cafiero De Raho, procuratore nazionale antimafia, vede accumularsi sul suo tavolo le richieste di scarcerazione per motivi di salute, a causa dell’emergenza […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

Giustizia, B. torna Caimano: “Sì alla sfiducia a Bonafede”

prev
Articolo Successivo

Detenuto ha il Covid, richiesta rigettata: “Ha una cella singola e visite quotidiane”

next