Posti di blocco della sicurezza ai cancelli d’ingresso. Misurazione della temperatura al portone. Lunghe file indiane per i corridoi, accanto agli armadietti, segnate dai distanziatori per dividere chi esce da chi entra. Ieri a Wuhan, epicentro della pandemia di Covid – 76 giorni di lockdown e 50mila contagiati dopo – sono tornati in classe 57.800 […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 13,99€ / mese per il primo anno
( successivamente 14,99€/mese )

Articolo Precedente

Task force, il modello italiano che ha salvato l’Austria dal virus

prev
Articolo Successivo

Il vero virus è la città-prigione

next