Durante l’emergenza Covid, il governo ha stabilito che le aziende produttrici di apparecchi sanitari necessari alle terapie intensive dovessero vendere solo in Italia, bloccando così le esportazioni all’estero a meno di particolari autorizzazioni. L’obiettivo era di non disperdere preziosi macchinari mentre i reparti erano in crisi. Eppure il 30 marzo scorso, ancor prima che si […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

Konrad, elemosiniere del Papa: “Aiuto tutti, non giudico nessuno”

prev
Articolo Successivo

Macché “Bonaparte”: troppi profittatori

next