“Il rischio di dover richiudere tutto dopo due settimane, purtroppo, esiste eccome. Almeno qui in Piemonte”. Il virologo Giovanni Di Perri, direttore del reparto malattie infettive dell’Ospedale Amedeo di Savoia di Torino, da pochi giorni membro della “task force” della Regione Piemonte per la programmazione della “Fase 2” (dopo essere stato escluso dalla “Fase 1”) […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese per il primo anno

Articolo Precedente

Dimezzati i morti, ma i contagi ritornano lievemente a salire

prev
Articolo Successivo

Pericolo “patenti false”

next