Il dossier

Eni, il risiko offshore e il condono fiscale dall’Olanda “cattiva”

Potere - Il gruppo ha 10 filiali in Paesi che l’Italia considera paradisi fiscali, ma ci sono anche 50 succursali tra Amsterdam e Dublino

23 Aprile 2020

Cayman, Bahamas, Bermuda, Singapore, Jersey, Isole Vergini Britanniche, Trinidad e Tobago, Dubai. E poi i paradisi fiscali dietro casa: Olanda, Irlanda, Belgio, Lussemburgo, Cipro, Malta. È la lista delle piazze offshore mondiali in cui ha sede la principale azienda controllata dallo Stato italiano, Eni. Un elenco che mostra in modo chiaro il paradosso della competizione […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 9,99€ per il primo mese
Dopo 15,99€ / mese

Ti potrebbero interessare

Gentile lettore, la pubblicazione dei commenti è sospesa dalle 20 alle 9, i commenti per ogni articolo saranno chiusi dopo 72 ore, il massimo di caratteri consentito per ogni messaggio è di 1.500 e ogni utente può postare al massimo 150 commenti alla settimana. Abbiamo deciso di impostare questi limiti per migliorare la qualità del dibattito. È necessario attenersi Termini e Condizioni di utilizzo del sito (in particolare punti 3 e 5): evitare gli insulti, le accuse senza fondamento e mantenersi in tema con la discussione. I commenti saranno pubblicati dopo essere stati letti e approvati, ad eccezione di quelli pubblicati dagli utenti in white list (vedere il punto 3 della nostra policy). Infine non è consentito accedere al servizio tramite account multipli. Vi preghiamo di segnalare eventuali problemi tecnici al nostro supporto tecnico La Redazione

Gentile utente ti informiamo che gli articoli 4 e 6 delle “Condizioni di Utilizzo dei Servizi offerti tramite registrazione ai Lettori” relativi, in particolare, all’accesso ai contenuti e alle notizie pubblicate sul sito sono state modificati.

Ti invitiamo quindi a prendere visione della nuova versione delle “Condizioni di Utilizzo dei Servizi offerti tramite registrazione ai Lettori”, cliccando qui