I 1.625 decessi nelle Rsa lombarde sulle 3.045 totali, il numero dei tamponi fatti e, soprattutto, la delibera emanata dalla Regione l’8 marzo scorso che ha dato la possibilità alle residenze sanitarie per anziani, su base volontaria, di ospitare pazienti Covid dimessi dagli ospedali, per “liberare rapidamente i posti letto degli ospedali per acuti”. Il […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

Piemonte, Cirio si arrende: l’ex ministro Fazio in aiuto

prev
Articolo Successivo

Coronavirus, rischio-contagio: il Trivulzio aveva il protocollo sbagliato

next