Abbattere gli egoismi nazionali e rifondare un’Europa basata sulle persone: c’è anche Dacia Maraini tra le firmatarie dell’appello ai governi lanciato nei giorni scorsi dalle donne di Se non ora quando. L’occasione data dalla pandemia è quella di riappropriarsi di un senso comune: “Da anni – spiega Maraini – non sentivo nel nostro Paese un […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

Al balcone con Giulietta nelle “Città invivibili”

prev
Articolo Successivo

Solo i Diavoli possono cambiare il mondo

next