“C’è stato un momento in cui mi sono sentito un pusher. Un signore si è affacciato alla soglia e mi ha chiesto un libro, ma ho dovuto rispondergli ‘mi spiace, non posso’. Lui ha lanciato un’occhiata perplessa agli scaffali, al che gli ho proposto di lasciarmi l’indirizzo di casa, glielo avrei fatto avere in qualche […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese per il primo anno

Articolo Precedente

Rocco Petrone, un lucano alla conquista della Luna

prev
Articolo Successivo

Sordi? Vade retro, ci ricorda chi siamo

next