“Roba da regime” proclama Salvini, che scomoda l’Unione Sovietica ma si guarda bene da ogni riferimento alla Russia dell’oligarca Putin. Si straccia le vesti la Meloni che parla di stato totalitario (se ne intende). Entrambi si appellano a Mattarella. Anzi Salvini, inscenando il solito rituale vittimista in cui B. era maestro, gli fa l’ennesima telefonata […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

Salvini telefona al Colle: Mattarella ascolta e tace

prev
Articolo Successivo

Reazione alla destra. Inopportuna o no?

next