Si può essere “una” libreria oppure “la” libreria. Per una certa borghesia intellettuale (o supposta tale) torinese, la Luxemburg di piazza Carignano è “la” libreria. E non solo perché è la più antica della città. Da oltre un mese, come quasi dappertutto, le serrande delle due vetrine affacciate sulla centralissima piazza sono abbassate. Da martedì […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese per il primo anno

Articolo Precedente

Coronavirus, la classifica dei furbi. E in Lombardia ancora circola il 40%

prev
Articolo Successivo

Conte sbugiarda le destre: “Non firmerò senza bond”

next