“Sono nostri fratelli, fanno parte della famiglia. Impossibile pensare di salire su un palco senza il loro contributo”. La mette giù piatta, Max Casacci. Il chitarrista e fondatore dei Subsonica è tra i 40mila che hanno firmato la petizione #NessunoEscluso, promossa dalla Fondazione Centro Studi DOC, a tutela dei cosiddetti “lavoratori intermittenti”, che già nella […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

Il palco brucia 150 milioni

prev
Articolo Successivo

“Chi tutelerà gli attori dopo questa crisi?”

next