George Pell era già il passato per il Vaticano, doloroso, ancora fresco, però passato. Quando ritorna, il passato, si rischia di farsi cogliere impreparati. La sentenza che ha assolto il cardinale incriminato di pedofilia, due condanne e più di un anno di carcere, fa un rumore sordo, produce un comunicato prudente e un intervento generico […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

Pell assolto: il cerimoniere più attendibile delle vittime

prev
Articolo Successivo

“Il reato non esisteva ancora” Lo Stato risarcirà Contrada

next