La prima frase che dovremmo dire al mattino, mentre ci guardiamo tutti stropicciati allo specchio, è questa: “Che culo a non avere adesso a Palazzo Chigi quello lì!”. Sia dunque benedetto il Papeete, e con esso la prodigiosa gragnuola di mojito che hanno verosimilmente condotto il Cazzaro Verde a suicidarsi a inizio agosto. Non fosse […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

Celebriamo il 25 aprile (anche da casa)

prev
Articolo Successivo

Parigi: “Senza solidarietà blocchiamo l’Eurogruppo”

next