C’è chi si atteggia a primo della classe quando deve impartire al resto d’Europa lezioni sulla tenuta dei conti pubblici e si oppone agli strumenti di solidarietà tra Paesi europei come gli eurobond, perché a fine 2018 vantava un rapporto tra debito pubblico e Pil al 52,4%: meno della metà del 130% italiano. Ma ha […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

Parigi: “Senza solidarietà blocchiamo l’Eurogruppo”

prev
Articolo Successivo

“Inutile parlare del Mes. Servono i coronabond o la Ue finirà di esistere”

next