A colpi di decreto l’ormai onnipotente Orbán svilisce un diritto umano dopo l’altro. A Budapest hanno messo fine al riconoscimento legale delle persone transgender: il sesso di una persona è “biologico, basato sui cromosomi e caratteristiche genetiche”, si legge nel nuovo disegno di legge a firma del vice premier Zsolt Semjen. “Sesso della nascita” è […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 13,99€ / mese per il primo anno
( successivamente 14,99€/mese )

Articolo Precedente

“Prima il regime, poi l’Isis: l’altra guerra è sulle donne”

prev
Articolo Successivo

“Mia moglie sostiene: basta vittimismo. Ma preferisco SuperPippo a Superman”

next