Anche se con il decreto Cura Italia del 17 marzo ogni azienda può auto-certificare di essere in linea con i requisiti richiesti dall’Ue, c’è un mercato che il coronavirus non ha mandato in crisi. É quello degli enti che quelle certificazioni le hanno emesse nelle settimane scorse e continuano a emetterle: analizzano i documenti delle […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

In troppi in giro: mascherine obbligatorie in Lombardia

prev
Articolo Successivo

Dalla filiera italiana zero dispositivi medici

next