Scrivere una lettera accorata e metterci il nome di un’altra donna, al posto di quello dell’amata: il lapsus, detto anche “alibi”. Precipitare – o sognare di – dalla propria finestra spiaccicandosi sul marciapiede e trovando al proprio fianco… chi altri, se non la madre. Tremare al pensiero di compiere un atto dopo aver rimosso, in […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

Neve e delitti: quanto ci piace il Nord Europa

prev
Articolo Successivo

Il sorpasso di Risi sul socio Gassman e il genio di Fellini

next