Non credete, ve ne prego, a chi cerca di tranquillizzarvi. L’epidemia che non si risolverà è proprio quella dei vostri dati personali. Le informazioni, anche quelle più sensibili, ci sono scappate di mano come un palloncino ad un bimbo ai giardini pubblici. Ogni elemento conoscitivo che possa riguardarci è finito nelle vene dei mostri che […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

Tracciamento digitale: sospendere la privacy?

prev
Articolo Successivo

Dal porta a porta a internet, il contagio di truffe e furti

next