Non ci sarebbe nulla di male (o quasi). Se non fosse per quella frase incauta (seguita da una smentita un po’ scontata) pronunciata nove giorni fa in un’intervista a Repubblica: “Sono milanese, sono stato vent’anni al Comune, conosco ogni via della mia città e ne sono innamorato. Mi sono sposato qui, ho due figli al […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

Scommetto su Conte, Pd e M5s. Non su Draghi

prev
Articolo Successivo

Caro Tullio, i tedeschi tutti nazisti? No, ti prego

next