Dopo i saluti di rito (brevi), Pino Strabioli (subito) specifica la sua condizione: “Sono confuso”. Non è il solo. Lo so. Lo vedo. Lo sento in giro: è tutto stravolto. Fa le pulizie? Abbastanza (cambia tono, un po’ sorride) Mica tanto. Quindi? Ho un amico che è più bravo di me; io mi dedico alla […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 19,99€ per 3 mesi

Articolo Precedente

Disegni, foto, poesie: è la nostra caccia al tesoro tra i cassetti

prev
Articolo Successivo

Coronavirus, tutti davanti alla tv: volano tg, film e fiction, ma cala il “trash”

next