Prima gli “zozzoni” dei materassi. Poi i “pendolari dei rifiuti”. Ora gli assembramenti in tempi di quarantena da Coronavirus. Virginia Raggi torna a chiedere l’aiuto dei romani per segnalare comportamenti illegali nel tentativo di arginare gli irresponsabili e, in generale, situazioni pericolose in piena emergenza pandemica. Attirandosi, da destra e da sinistra, accuse di “incentivo […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

L’agenda digitale svecchierà L’italia

prev
Articolo Successivo

L’ultimo editto contro le “sette del godimento”

next