Il secondo album di Dua Lipa, star globale erede di Madonna, è uno schiaffo ai tempi lugubri che stiamo vivendo: leggerezza e ritmi dance anni Ottanta senza mai essere manieristica. Storie di relazioni e attrazioni prodotte dai beatmaker più hipster del momento e, in particolare, il nome dietro al successo di Confessions On A Dance […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

17 minuti per Kennedy: anche Bob Dylan si sente in guerra

prev
Articolo Successivo

Arbasino-Mura e il paradosso del lettore calviniano

next