Fino a un mese fa, la paura più forte era di subire la revoca della concessione per il disastro del ponte Morandi di Genova. Ora, Autostrade per l’Italia (Aspi) dei Benetton guida la carica dei concessionari che chiedono soldi al governo per far fronte all’emergenza coronavirus, ventilando il rischio di fallimento. La lettera, allarmata e […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

Gli esperti: “Il virus non è arma biologica”. Ma non escludono la fuga dal laboratorio

prev
Articolo Successivo

La Figc vuol resuscitare gli sponsor dell’azzardo

next