Il silenzio della reclusione domestica (per i fortunati che l’hanno silente) è propizio alla lettura e all’ascolto della musica. Da non sovrapporre, ché invece di sommarsi si elidono a vicenda. Vediamo di fare un’ideale isola musicale per i giorni, che speriamo brevi ma temiamo lunghi, della quarantena. Se dovessi esser non ovvio, giusto, consiglierei di […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 19,99€ per 3 mesi

Articolo Precedente

Le “Notti magiche” del 1990: tutti a guardare “Twin Peaks”

prev
Articolo Successivo

La voce in bianco e nero: auguri Mina, ora dicci se sei felice

next