Quando tutto ebbe inizio non c’era paura. Forse non abbastanza. Era il 31 gennaio, un venerdì pomeriggio, era già buio quando il corteo di auto, in ritardo, si fermò in forma circolare davanti al palazzone squadrato e vetrato della Protezione civile di via Vitorchiano, periferia di Roma, per una riunione plenaria del comitato operativo contro […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 19,99€ per 3 mesi

Articolo Precedente

La strage sta rallentando. “Picco dei morti a breve”

prev
Articolo Successivo

Borrelli ha la febbre: si aspetta il test. Bertolaso ricoverato al San Raffaele

next