Ora è tutto un tirare segnacci sui calendari. Tour annullati, posticipati, rimodulati. Tra dita incrociate e cuori gonfi d’angoscia. Chi fermerà la musica? Fino a pochi mesi fa si pensava che il male assoluto, mascherato da nuova opportunità, fosse la frontiera “liquida”, lo streaming che faceva pascere Spotify e le altre piattaforme che pagavano quasi […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

Isis attacca nel caos: 25 morti al tempio sikh

prev
Articolo Successivo

Le “Notti magiche” del 1990: tutti a guardare “Twin Peaks”

next