È soprattutto per il volere delle imprese se i lavoratori in nero in Italia superano di molto i tre milioni e mezzo. Non tutte, ma le più disoneste che traggono vantaggio dal sommerso perché “possono” così sottopagare i dipendenti e non versare contributi. Chi accetta l’impiego irregolare, invece, di solito non è un furbo ma […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 19,99€ per 3 mesi

Articolo Precedente

Coronavirus, con l’aggiornamento del decreto cambiano le attività essenziali, ma solo 200mila lavoratori in meno

prev
Articolo Successivo

Call center, Youtility e i centri “pollaio”

next