Film, libri, musica, inutile domandarlo ad Alessandro Haber: “Non ho la testa, penso solo al coronavirus. Magari ci provo, ma dopo pochi minuti mi arrendo, voglio accendere la tv e sapere”. Tutto il giorno. Non sono preoccupato per me, la mia vita l’ho fatta, sono del 1947; penso alle generazioni successive, a mia figlia (resta […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

Leggere con il gatto e resistere nel “confino” delle mura di casa

prev
Articolo Successivo

Dopovirus: non sarà il Partito del Cemento a salvare l’economia

next