C’è un periodo della vita italiana che è stato e resterà “il periodo Arbasino”. Segni caratteristici: una visione come quella di certi fotografi che riescono a ritrarre uno spazio molto largo, con una immensa quantità di dettagli, tutti nitidi; uno spirito vagabondo, totalmente libero, saldamente agganciato allo scrupolo dei fatti, al profondo della cultura, al […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

1963, il pentito Valachi in America: “La mafia si chiama Cosa Nostra”

prev
Articolo Successivo

“Un Paese senza”: l’Italia perde il venerato maestro

next