Più inquinamento, più virus. Le alte concentrazioni di polveri sottili a febbraio nella Pianura Padana potrebbero essere state tra le cause scatenanti del diffondersi rapidissimo e anomalo del Coronavirus verificatosi quindici giorni dopo. Come era successo in Cina nella provincia di Wuhan. È più che un’ipotesi, lo afferma uno studio prodotto dalla Società italiana di […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 19,99€ per 3 mesi

Articolo Precedente

Mail Box

prev
Articolo Successivo

Il virus dilaga nella Ue. Il conto degli infettati è cominciato dopo

next