Sono dei reduci, dei disperati, dei dinosauri. Sedotti dalle ultime luci della (presunta) celebrità, e poi via, il Coronavirus ha spostato il (loro) riflettore, all’improvviso sono rimasti nudi davanti a se stessi, sostenuti al massimo da Alfonso Signorini, senza più un pubblico generoso nell’applaudire e sostenere ogni loro stupidaggine. Ed ecco la differente prospettiva: lo […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 19,99€ per 3 mesi

Articolo Precedente

Le quattro tappe del percorso virale

prev
Articolo Successivo

La vignetta di Franzaroli

next