I giudici la ritengono socialmente pericolosa, ma Maria Edgarda Marcucci, giovane che ha combattuto con le milizie curde contro l’Isis sul fronte siriano, non ci sta. Non accetta la sorveglianza speciale che la obbligherà a seguire una serie di restrizioni: per due anni dovrà stare in casa dalle 21 di sera alle 7 del mattino, […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

Primarie, #DropOutBernie: ora il popolo dem vuole che Sanders si tiri indietro

prev
Articolo Successivo

Agrigento, continua il mistero della droga che viene dal mare

next