Sono nata e cresciuta nell’era dorata dei Caroselli, magari non quelli storici dei garibaldini e dell’amaro China Martini con Calindri, oppure con Bramieri che lodava il Moplen, o quello del dentifricio che poteva farti avere una bocca in grado di dire ciò che volevi, ma quelli del chitarrista Cerri in ammollo nell’oblò della lavatrice, o […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

Il mistero di Federico Caffè, economista svanito nel nulla

prev
Articolo Successivo

La Cattiveria

next