Dice tutto un anestesista dell’ospedale Papa Giovanni XXIII di Bergamo: “Reggeremo pochissimo”. Lì i posti in terapia intensiva erano solo dodici, ora “siamo arrivati a 70 posti letto, più altri 20 in terapia sub-intensiva dove vengono impiegati i caschi per la respirazione e la ventilazione non invasiva – racconta il dottor Ivano Riva, anestesista-rianimatore all’ospedale […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

La Cattiveria

prev
Articolo Successivo

“Venite a salvarci” I vacanzieri da virus ora lanciano l’Sos

next