Per il 1500 non c’è stato nulla da fare: quattro tentativi in due giorni non sono valsi a prendere la linea. Nemmeno una volta. “Tu, tu, tu”, scandiva l’apparecchio dopo neanche uno squillo mentre una scritta sul display del telefono sentenziava: “Linea occupata”. Il “numero di pubblica utilità – Covid-19” attivato da Roberto Speranza al […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese per il primo anno

Articolo Precedente

“Infettato a Codogno, non torno da mammà”

prev
Articolo Successivo

Coronavirus, la cura della verità e la peste del panico

next