Venti febbraio, ore 21. Ospedale Civico di Codogno. In questo momento l’Italia ha il suo primo paziente affetto da Covid-19. È un ragazzo di 38 anni sposato. Diciassette giorni dopo quella sera l’équipe di ricercatori dell’Università Statale di Milano guidata dal professor Massimo Galli, direttore del reparto malattie infettive dell’ospedale Sacco, invia a una rivista […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 10,99€ / mese*
*fino al 30 Settembre 2021

Articolo Precedente

Coronavirus, “un farmaco usato anche in oncologia lo sconfigge”

prev
Articolo Successivo

New York ha la sua Codogno. La Cina parla di “progressi”

next