“Un modo per affidarsi al prossimo, per dimostrare, e speriamo di dimostrarlo, che dando fiducia si riceve solo bene”. Non andò così, però andò così, a Pippa Bacca (Giuseppina Pasqualino di Marineo), l’artista che l’8 marzo 2008 partì con la collega Silvia Moro da Milano per Gerusalemme: seimila chilometri in autostop per celebrare il matrimonio […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

Flaiano. L’arte al tempo dei musei chiusi

prev
Articolo Successivo

Joel senza Ethan: Coen senior firmerà da solo “Macbeth”

next