C’è una frase che viene ripetuta due volte nella prima, lunghissima puntata di Hunters (90 minuti: praticamente un film a sé). La pronuncia all’inizio Biff Simpson, un nazista che si è ricostruito una vita più che rispettabile negli Stati Uniti. Più avanti la ripete Meyer Offerman, il milionario ebreo interpretato da Al Pacino che comanda […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

“La figlia oscura”, arriva un’altra genialata della Ferrante

prev
Articolo Successivo

C’era una volta in America: il football

next