Carola Rackete non doveva essere arrestata per resistenza a pubblico ufficiale. E neanche per il suo atto di resistenza o violenza – l’ormai famoso “speronamento” – contro la nave della Guardia di Finanza. Da ieri sono pubbliche le motivazioni che hanno spinto la Corte di Cassazione a respingere il ricorso della Procura di Agrigento sull’arresto, […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

I dolori della sindaca Chiara tra piazza S. Carlo e i bilanci

prev
Articolo Successivo

“Sardine? Mi cacciano e non capiscono il Sud”

next